Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie.

Vedi la Cookie Policy del sito

Vedi e-Privacy Directive Documents (inglese)

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Hai permesso l'utilizzo dei cookie per questo sito. La scelta può essere revocata.

Terra e finanza, cibo per molti o guadagno per pochi? Ne parliamo il 28 ottobre a Soncino

Mentre volge al termine l'Expo 2015, alcune realtà soncinesi (GASoglio, Argo e Acli) insieme al Gruppo di Iniziativa Territoriale di Banca Etica han voluto porre l'attenzione in maniera critica al tema scelto per l'esposizione universale di Milano: il cibo (“Nutrire il pianeta, energia per la vita”).

E hanno scelto di affrontare l'argomento in maniera critica, prendendolo da un punto di vista inusuale ma rivelatore: la relazione tra il cibo (e tutto quanto ne è presupposto: l'agricoltura, il suolo, il commercio…) e la finanza.

La finanza, da strumento al servizio dell’economia reale utile per fornire capitale per le attività umane, negli ultimi decenni ha quasi completamente perduto tale ruolo sociale trasformandosi in un qualcosa fine a se stesso che produce denaro del denaro.

Questa trasformazione ha travolto anche l'economia reale: tramite diversi strumenti finanziari, come i derivati o i fondi indicizzati, i finanzieri speculano sul prezzo del cibo e delle merci.

Somme colossali passano di mano in mano ogni giorno, 24 ore al giorno, attraverso le borse, causando instabilità e volatilità e rendendo più difficile l'accesso al cibo per le popolazioni puù povere. D’altra parte, centinaia di milioni di agricoltori e contadini sono completamente esclusi dai servizi finanziari e dall’accesso al credito.

Esistono però proposte concrete di finanza etica e alternativa, come quelle di Banca Etica: mostrano concretamente che un modello finanziario completamente diverso non è un’utopia ma una possibilità concreta, una strada che già decine di milioni di persone hanno scelto.

Per approfondire la relazione tra terra e finanza e mostrare il ruolo positivo che ognuno di noi cittadini può giocare è stato chiamato Riccardo Milano, docente e giornalista, socio fondatore di banca Popolare Etica.

Riccardo Milano ha lavorato per oltre vent'anni nel mondo della finanza “tradizionale”, è socio di Banca Etica fin quasi dalle sue origini, è sia “costruttore” della stessa sin dalla costituzione della “Cooperativa verso la Banca Etica” e sia “diffusore” della sua idea, con diversi incarichi nella Banca.

La sua attuale occupazione lavorativa è di Responsabile delle Relazioni Culturali dell'Ufficio di Presidenza di Banca Popolare Etica. In tale veste partecipa come relatore ai convegni sui temi specifici della Finanza Etica su tutto il territorio nazionale.

L'appuntamento è per mercoledì 28 ottobre alle ore 21 presso la Sala conferenze della Filanda.

L'evento è promosso all'interno del calendario di Volontariato in festa 2015 e gode del patrocinio del comune di Soncino.

Riccardo Milano terrà inoltre un incontro sempre sugli stessi temi, nella mattina di mercoledì 28, per le classi terze della scuola media inferiore dell'Istituto comprensivo di Soncino: perché di finanza e terra e delle responsabilità di ogni cittadino è bene iniziare a parlarne già da giovani.

Infografica GASoglio

GASoglio si incontra

GASoglio si incontra per riunioni periodiche ogni secondo giovedì del mese per confrontarsi, condividere scelte e informazioni e crescere insieme, presso la sede dell'Avis di Soncino (via Tinelli 11) alle ore 21.

Area riservata

Go to top